Centro Informazioni Herrenstraße 14 D-76437 Rastatt
info@beautytravels24.it
Sede in Germania registrata nel 2008, qualità del servizio Certificata TÜV dal 2012!
Tuv Logo
Sede in Germania registrata nel 2008, qualità del servizio Certificata TÜV dal 2012!
Tüv Logo
Centro Informazioni Herrenstraße 14 D-76437 Rastatt

In-Vitro-Fertilisation (IVF)

La FIVET (fecondazione in vitro) è storicamente il primo metodo di inseminazione artificiale. Questa fecondazione “classica” è stata utilizzata per la prima volta con successo nel 1978. Il trattamento FIVET consiste in diverse fasi coordinate con precisione.
Il termine “in vitro” si riferisce a processi organici che avvengono fuori dal corpo umano, in una provetta. In provetta avviene la connessione tra la cellula uovo della donna e lo sperma dell’uomo. Se la fecondazione ha successo, uno o più ovuli fecondati vengono trasferiti dalla provetta all’utero della donna. Questa procedura è stata realizzata per la prima volta nel 1978 dagli scienziati Steptoe e Edwards. Mentre oggi, nella maggior parte dei casi, le ovaie vengono trattate con cure ormonali, i due medici di allora intervennero sul ciclo mestruale spontaneo e prelevarono l’ovulo da fecondare. Il vantaggio del trattamento ormonale di oggi è che diversi ovuli possono essere portati a maturazione e raccolti allo stesso tempo. Questo aumenta le possibilità di successo della procedura.

Chi può sottoporsi alla procedura di FIVET?

Se la donna soffre di un blocco delle tube o ha anticorpi contro lo sperma del suo partner, la FIVET è un’opzione per la coppia. La procedura è adatta, inoltre, anche alle coppie nelle quali la qualità dello sperma dell’uomo rende impossibile la fecondazione.

Le singole fasi della FIVET
Il metodo FIVET può essere approssimativamente diviso nelle seguenti fasi:
– Stimolazione ormonale delle ovaie.
– Ovulazione
– Prelievo degli ovociti
– Fecondazione in vitro con il materiale spermatico
– Coltivazione degli ovociti fecondati
– Trasferimento dell’embrione e inserimento nell’utero
– Monitoraggio della fase luteale

La stimolazione ormonale delle ovaie si ottiene con la somministrazione dell’ormone gonadotropina. In questa fase della FIVET si stimola la maturazione degli ovuli. Con un dispositivo ecografico, in qualsiasi momento il medico è in grado di monitorarne i progressi. L’intero processo FIVET – dalla stimolazione ormonale alla trasformazione degli ovuli – può richiedere diverse settimane. Come per il monitoraggio del ciclo, dal sesto al decimo giorno circa, il medico monitora mediante esami ecografici il numero e la crescita dei follicoli ovarici. Una volta che diversi follicoli sono cresciuti fino a una certa dimensione, la donna riceve un’iniezione dell’ormone gonadotropina corionica, per provocare l’ovulazione.

Da 32 a 36 ore dopo, poco prima dell’ovulazione, viene eseguita la cosiddetta puntura del follicolo. Questa è una procedura chirurgica breve. Sotto la guida di una sonda ecografica, il medico rimuove gli ovuli maturi dalle ovaie con l’aiuto di un ago sottile. Idealmente, da cinque a dieci ovuli vengono raccolti e trasferite in un mezzo di coltura in provetta, dove vengono messi a contatto con lo sperma del partner, che è stato fornito tramite masturbazione. La provetta viene poi messa in un’incubatrice. Dopo solo un giorno, è possibile verificare se la fecondazione in vitro ha funzionato.

In caso di successo, il medico inserisce gli ovuli nell’utero dopo uno o due giorni. L’embrione viene trasferito tramite un catetere sottile e flessibile inserito attraverso la vagina. Questa procedura non causa alcun dolore e quindi non richiede antidolorifici o anestetici.
Se sono ancora disponibili embrioni di buona qualità dopo il trasferimento, è possibile crioconservarli. Anche se questo non dovrebbe essere lo scopo della procedura FIVET, se la FIVET fallisce durante il tentativo di stimolazione ormonale, gli ovuli congelati possono essere scongelati di nuovo per cicli di trattamento successivi. Questa cosiddetta crioconservazione permette di evitare la necessità di ulteriori stimolazioni ormonali e di una nuova proceduta di recupero degli ovuli.

Dopo il trasferimento, nel corpo della donna ha luogo la fase luteale. Durante questa fase viene somministrato l’ormone progesterone, che favorisce l’impianto dell’uovo fecondato. Ci vogliono circa due settimane prima che la gravidanza possa essere rilevata tramite la presenza dell’ormone della gravidanza hCG nel sangue o nelle urine.

Le possibilità di successo con la FIVET

Le probabilità di successo del trattamento FIVET sono aumentate nel corso degli anni. Il recupero di cellule multiple combinato con il trattamento ovarico con gondotropine è la chiave di questo successo. I tassi di successo delle cliniche turche sono ancora più alti della media mondiale. Nelle donne di età inferiore ai 38 anni e con sperma sano, la gravidanza si verifica in due donne su tre dopo la fecondazione in vitro con trasferimento di embrioni. Questa cifra si riferisce al trasferimento embrionale effettuato al momento, nel caso invece di crio-trasferimento, cioè di trasferimento di un uovo precedentemente congelato, le probabilità che procedura abbia successo si abbassano di circa la metà. Tuttavia, le probabilità possono essere ulteriormente aumentate se lo specialista riproduttivo trasferisce diversi embrioni. Bisogna però considerare che questo aumenta anche il rischio di gravidanze multiple. In definitiva, i fattori decisivi per il successo della FIVET sono legati al problema individuale di fertilità e all’età della donna. Statisticamente, il tasso di gravidanza e nascita dopo il trasferimento di embrioni diminuisce con l’aumentare dell’età della paziente.

Vantaggi e svantaggi della FIVET

La fecondazione in provetta funziona esclusivamente con trattamento ormonale. I trattamenti ormonali possono essere responsabili del fatto che la donna soffra mentalmente o fisicamente. Tuttavia, circa il 99% di tutti i trattamenti in Turchia procede senza complicazioni.
Gli specialisti turchi sottolineano anche che quando vengono trasferiti embrioni multipli durante la FIVET, il rischio di nascite gemellari o trigemellari aumenta. Nonostante tutte le preoccupazioni, la fecondazione in vitro è un metodo sicuro e promettente di inseminazione artificiale. In Europa, più di 900.000 cicli di FIVET vengono eseguiti ogni anno e circa 200.000 bambini nascono dopo la fecondazione medicalmente assistita.

https://www.beautytravels24.it/in-vitro-fertilisation-ivf/

Iniezione intracitoplasmatica dello sperma (ICSI) Domande frequenti

CSI è l'abbreviazione di Intracytoplasmic Sperm Injection. Il trattamento ICSI è un supplemento al trattamento FIVET e viene eseguito quando l'uomo ha una fertilità limitata. Con questa procedura, un singolo spermatozoo viene inserito nell'ovulo con l'aiuto di una cannula da iniezione.

A seconda del protocollo, la prima ecografia ha luogo poco prima delle mestruazioni ed al più tardi entro il terzo giorno del ciclo. La stimolazione ormonale con iniezioni inizia tra il 2° e il 3° giorno del ciclo e dura circa 10-14 giorni. Durante questo periodo, l’andamento del trattamento viene controllato regolarmente tramite ecografie e esami di laboratorio e si determina il momento più favorevole per attivare l'ovulazione e la raccolta degli ovuli.

Dipende molto dall'età della donna. L'età dell'uomo è determinante solo in piccola parte. Le donne hanno migliori possibilità fino all'età di 32 anni.

I metodi di fecondazione assistita portano solo a un piccolo aumento dei rischi di malformazioni. Questo tipo di problemi dipende molto dal rischio genetico di base delle coppie interessate. Bisogna anche tener conto del fatto che le pazienti sono in media più avanti con l’età quando rimangono incinta, il che aumenta il rischio di aborto spontaneo, per esempio.

Il giorno 1 del ciclo è il giorno in cui iniziano le mestruazioni.